Menu' di navigazione

20 giu 2008

Europei di calcio

Durante questi giorni, non c'è sera che la tv di stato, alle volte sia su Rai 1 che Rai 2 mostra solo partite di calcio con conseguente trasmissione a commento prima e dopo la partita. Sandro Mazzola poverino, vive alla sede Rai perchè partecipa a tutti i programmi. Gran successo di ascolti, grandi spese Rai per le dirette. Finita la partita, solo film visti e rivisti o programmi di politica inutili.Visto che in Italia ci sono circa 5 milioni di disabili, più o meno lo stesso numero di ascoltatori del capionato di serie B. Possibile che almeno in estate quando tutti sono al mare ma chi è disabile spesso è a casa, non ci sia un programma informativo per i disabili? Sarebbe utile anche per chi non lo è.
Niente da fare, meglio i pupi vestiti D&G a scolarità zero e tanti soldi in tasca.
Lo sapete che quando vincono giocando per la nazionale prendono un sacco di soldi sia i calciatori che la federazione? Possibile che due lire non si trovino per finanziare una campagna pubblicitaria per le disabilità?
Forza ItaGlia!!!

14 giu 2008

PARAPLEGIA PASSAGGIO DA LETTO A CARROZZINA

Ballerini sordomuti

Sant’Ermanno il Rattrappito, chi era costui?

Sant’Ermanno il Rattrappito era tutto storto, gobbo, incapace perfino di stare seduto ed era stato dai medici dell’epoca catalogato quasi come un demente, ma era un santo. A Viterbo la curia deve essersene dimenticata. Eppure i santi li possiamo leggere sul calendario. Alcuni giorni addietro è stato negato il matrimonio in chiesa ad un disabile perchè potenzialmente incapace di procreare.Sembra che alcuni cattolici siano rimasti al « Malleus maleficarum », cioè quella specie di manuale di caccia alle streghe redatto nel 1486 dai domenicani Jacob Sprenger ed Heinrich Kramer, che arrivò a ipotizzare che fossero concepiti in un rapporto carnale col demonio.Chissà dove hanno trovato gustificazione per i funerali di un dittatore cileno o per un esponente della banda della Magliana.

eli eli lema sabachthani!!!!

07 giu 2008

Applicata la norma del 2004 (legge Cendon)

Testamento biologico: esiste una norma del 2004 che consente di morire come si desidera e di rifiutare le cure. Il primo caso di applicazione è avvenuto a Modena, dove una donna, Vincenza Santoro Galani, 70 anni, è morta l’altro giorno secondo le sue volontà: il magistrato le ha infatti concesso il permesso il 9 maggio scorso, nominando il marito amministratore di sostegno che ha rispettato la volontà della coniuge: lei non voleva interventi che le avrebbero prolungato la sofferenza, compresa la respirazione artificiale.

Visualizza la legge >>